Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie del Consiglio Comunale e del dr. Pesce

Mola di Bari - Sento doveroso ricordare il Dott. Gianvito Pesce nel ventennale della sua scomparsa avvenuta a Mola il 17/12/1990.Sento doveroso, inoltre, denunciare una offesa volontariamente o involontariamente fatta alla Storia della nostra Comunità, alla memoria dell’uomo e del 1° Sindaco eletto con il consenso del Popolo e a quanti lo stimarono e gli furono vicino non solo ideologicamente. Per ricordare l’illustre concittadino, di seguito riporto parte del discorso da me fatto, in veste di consigliere comunale, oltre dieci anni fa in una seduta di Consiglio Comunale. Il dott. Pesce è stato:  (cliccare su leggi tutto per visualizzare la mappa della zona e la bretella in contestazione)

 

“ il medico, chirurgo e ginecologo conosciuto in paese e fuori paese come il medico dei poveri. Testimonianze della sua elevata professionalità, dei grandi valori di umanità e solidarietà di cui era portatore sono ancora vivi in gran parte della popolazione anche a distanza di molti anni dalla sua scomparsa. Quell’uomo non è stato soltanto un medico ma un personaggio entrato a pieno titolo nella storia di Mola sia come medico che come uomo politico impegnato su tutto il territorio e con una vocazione particolare nei confronti delle classi più povere ed indifese. Come medico, oltre alle sue doti di professionista scrupoloso, serio e preparato che fece della sua professione una missione, lo possiamo definire, scherzosamente, come il precursore dell’attuale guardia medica; egli infatti oltre ad essere definito medico dei poveri, in quanto per le prestazioni extra mutualistiche non richiedeva il compenso alle persone disagiate, era chiamato anche il medico della notte a causa di sue abitudini di vita, molto individualistiche, che lo tenevano sveglio e reperibile nelle ore notturne. Come uomo politico lo ritroviamo come primo Sindaco di Mola dopo la liberazione e successivamente fino a pochi anni dalla sua scomparsa come Consigliere Comunale. Uno spaccato del suo vissuto fu testimoniato nel teatro Vanwesterouth da numerose personalità e cittadini in occasione di una festa, molto partecipata, organizzata in suo onore in occasione del suo ritiro dalla scena politica istituzionale. Tra i vari interventi di politici, intellettuali e gente comune, ricordo quello del maestro Mario Ventura, profondo conoscitore della storia e della cultura molese, che nell’esaltare le doti dell’uomo, del professionista e del politico, mise in evidenza l’apprezzamento e la stima manifestata pubblicamente dal prefetto di Bari nei confronti di quel Sindaco, che avendo fatto proprio il malessere e lo stato di necessità causati dai lutti e dai danni prodotti dalla guerra ad una larga fascia di popolazione, si recava ogni giorno a Bari in Prefettura per chiedere contributi in denaro e viveri per le numerose famiglie che avevano perso ogni mezzo di sostentamento. Ricordava inoltre il maestro Ventura che per Mola il dopoguerra è stato il periodo più triste che ha causato il più massiccio esodo di giovani risorse verso il nord Italia, il nord Europa e le Americhe. In veste di capogruppo politico, estroso, intelligente ed originale era il suo modo di porsi e di affrontare la discussione ed il confronto politico e tale suo modo di essere gli procurava stima e simpatia anche da parte di avversari politici. Grande conoscitore di leggi e regolamenti che disciplinavano la cosa pubblica, quando riteneva necessario estendere e ricordare a gli altri l’esistenza della norma, non lo faceva mai direttamente per non passare per presuntuoso, ma si appellava al Segretario Generale invitandolo a leggere ed interpretare in aula il testo della legge. Per questo sono rimaste famose alcune sue frasi. Chi lo ha conosciuto non può smentirmi. Non voglio dilungarmi ancora, molti in quest’aula potrebbero più di me, e con maggior titolo, esaltare il valore di quell’uomo, però voglio cogliere l’occasione per sottolineare che il ricordo, l’esempio e la memoria di quel personaggio non possono restare chiuse in quella tomba ancora per molto tempo. “

L’offesa arrecata alla memoria è avvenuta in seguito alla decisione della Giunta Comunale guidata dal Sindaco Enzo Cristino di intitolare le strade di nuova apertura nei quartieri Cerulli, Cozzetto e San Giorgio. Con delibera di giunta n° 194 del 19/07/2001 divenuta esecutiva il 27/08/2001, individuate le nuove strade, furono assegnate le nuove denominazioni. Di fatto l’assegnazione è stata deliberata a seguito di indicazioni prodotte dalla competente Commissione Consiliare nella quale si sono confrontate e scontrate tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale. Alla memoria del dott. Pesce, evidentemente politicamente o familiarmente non rappresentato, fu assegnata una piccola e stretta bretella di collegamento pedonale fra due strade, priva di accessi e quindi di numeri civici, sulla quale si affacciano solo le testate di due costruzioni. Proteste sia della famiglia sia dello scrivente seguite da promesse di sanatoria sia del Sindaco Cristino sia del successore Berlen sono risultate vane.

Con questa pubblicazione, che ha il valore di appello alla nuova Giunta Comunale per la risoluzione del problema, invito i frequentatori del sito che sentono di condividere l’appello a dare adesione scrivendo a Commento della pubblicazione: “Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del dott. Gianvito Pesce – Nome e Cognome “

 

 

 


Commenti
Nuovo Cerca
+/-
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.
Luigi Custodero  - re: Anime presenti     |08/05/2013 04:03:17
Luigi Custodero ha scritto:
Il dott.Gianvito Pesce fu grande professionista di immensa generosità.
Visitava e curava gratuitamente molto spesso i cittadini
molesi indigenti e non solo.Ho avuto modo di apprezzare le sue
argomentazioni intellettuali su Mola durante le rappresentazioni teatrali
del Centro Sociale di Educazione Permanente [CSEP]negli anni '70. Un
ricordo indelebile:per un gemellaggio tra Tivat e Mola,in partenza per la
Jugoslavia sulla Sveti Stefan cantò con il mio
gruppo musicale...Partirà la nave partirà, di Endrigo -  Grazie
Gianvito, non morirai mai nel cuore e nell'anima - Luigi Custodero
michele faustino  - re: Gianvito Pesce   |24/11/2011 13:00:43
Luca F. Abatangelo ha scritto:
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del dott.
Gianvito Pesce – Luca F. Abatangelo
mi meriviglia che una doppia giunta di sinistra non abbia preso in
considerazione l'idea di intotolare non un vico ,ma un monumento al
dott. Pesce. resto incredulo!!!Proporrei una petizione affinchè cio'
avvenga,non dico un monumento (conoscendo il dott. Pesce mal
avrebbe accettato)ma qualcosa che valorizzi in pieno la sua persona
Stefania   |18/08/2011 15:20:54
Navigando su internet alla ricerca di nuove immagini riguardanti il lungomare di
Mola, mi ritrovo su questo sito, che riporta delle belle immagini fotografiche
del mio paese...quando un volto, attrae la mia attenzione. Gianvito Pesce. E chi
se lo dimenticherà mai! Quel volto e quel nome, stranominato centinaia e
centinaia di volte, quel Signore, che ha detto alla mia mamma, malata
inconsciamente di adenocarcinoma endometriale, di non preoccuparsi, che non era
niente di grave, quel Signore così rinomato e importante che qualunque cosa
dicesse...per la mia mamma era Bibbia. Questa era la fiducia della mia mamma in
lui, quella fiducia smodata, da non farle interpellare nessun altro medico,
perchè lui era il numero uno. La mia mamma però morì di un cancro molto
grave, quel cancro che se fosse stato diagnosticato prima, forse, si sarebbe
salvata; ma lei aveva interpellato il più grande, il più bravo....quando i
medici di Milano operarono la mia mamma era già piena di metastasi. Io avevo 10
anni e l'ho persa. Quel vuoto non l'ho mai ricolmato. Non sono qui ad accusare
nessuno, ma non dimenticherò mai le dolci parole che avrebbero dovuto
tranquillizzare la mia mamma: stai tranquilla Nina...non è niente di grave! La
mia mamma, la chiamo e la chiamerò sempre così. Perdonatemi lo sfogo, mi pare
di capire che qui, in modo civile ed educato, ci sia la possibilità di
esprimere il proprio parere e in merito alla petizione io dico NO. Il Dr. Pesce
era un normale essere umano come tutti noi.
aldo binosi  - adesione senza se e senza ma   |18/05/2011 06:13:17
Aderisco alla petizione invitando a intitolare a Gianvito Pesce una Piazza
simbolicamente significativa. ad oggi al primo Sindaco comunista di Mola è
intestata solo il Circolo del PRC....e non basta!
Dott. Aniello Nino Pompilio   |28/03/2011 14:24:11
Sono un cittadino noiano sposato da cira 45 anni con una ragazza molese.Agli
inizi del matrimonio e anche successivamente ho avuto il piacere di conoscere
il dott. Gianvito Pesce come medico di fiducia durante la gestazione di mia
moglie delle mie quattro figlie.Ho sempre apprezzato la sua rude generosità e
la sua grande umanità, nonchè la sua grande competenza e conoscenza della
medicina. Ricordo che le sue diagnosi erano quelle di un grande clinico e non
necessitavano del supporto di successivi esami diagnostici, che pochi potevano
permettersi.Allòra quando l’assistenza medica e sanitaria non era assicurata
a tutti i cittadini, come adesso, Lui era il medico dei poveri e dei bisognosi e
non si risparmiava anche di notte a visitare gli ammalati che avevano bisogno
della sue cure.
Io sono stato e sono ancora politicamente di centro destra e
Lui era un “comunista”.
Un comunista come pochi che ha fatto onore al suo
partito per la sua integrità, rettitudine e sano sentire della sua ideologia:
per cui nel sentirmi onorato di averlo conosciuto ho sempre professato nei suoi
riguardi stima e rispetto.
Auspico che l’attuale Amministrazione Comunale
molese ricordi questo suo illustre
concittadino, che peraltro è stato anche il
primo Sindaco del Comune, come degnamente merita, con l’intitolazione di una
strada, non di basso profilo.

Comm. Dott. Aniello Nino Pompilio
Gianvito Boccuzzi   |02/03/2011 19:05:36
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del dott.
Gianvito Pesce
Maria Micunco  - insegnante   |26/02/2011 04:43:50
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del dott.
Gianvito Pesce
B. Larato   |26/02/2011 04:37:06
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del dott.
Gianvito Pesce
Angela De Santis   |26/02/2011 04:32:28
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del dott.
Gianvito Pesce
Dina Spilotros   |26/02/2011 04:31:24
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del dott.
Gianvito Pesce
Rosa Arborea  - pensionata   |26/02/2011 04:30:27
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del dott.
Gianvito Pesce
Maria Pesce  - medico   |26/02/2011 04:29:35
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del dott.
Gianvito Pesce
piero gentile  - Adesione sine condicio   |25/02/2011 10:41:36
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria
del
dott.
Gianvito Pesce
Patrizia Adamo   |18/02/2011 12:46:49
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del
dott.
Gianvito Pesce

Patrizia Adamo
Chiara Abatangelo   |18/02/2011 12:46:07
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del
dott.
Gianvito Pesce
Massimiliano Fiorito   |18/02/2011 12:45:02
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del
dott.
Gianvito Pesce
Angeliana Bufo   |18/02/2011 12:44:13
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del
dott.
Gianvito Pesce
Ass. Socio Cult. Città Nostra   |03/02/2011 14:04:39
La Redazione del mensile Città Nostra, che ha dedicato all\'argomento il
numero
di Dicembre, sottoscrive al completo l\'appello, affinchè al primo
sindaco
eletto di Mola repubblicana, Gianvito Pesce, venga intitolata o una
strada o una
piazza, non un marciapiede.
Nicola Lucarelli - Direttore
Editoriale
Vito Abatangelo  - Docente universitario   |28/01/2011 09:38:28
Ancora oggi spesso vengo riconosciuto come "nipote del medico Pesce": la
gente Lo ricorda ancora. Prendo atto del fatto che una amministrazione comunale
di sinistra non abbia avuto la sensibilità di ricordarlo degnamente. Vito
Abatangelo
Michele Lasorsa   |26/01/2011 15:49:08
Un ricordo, un riferimento, un uomo che ha segnato e condiviso un momento
storico e significativo della crescita di un paese non può essere che ricordato
con un gesto significativo da parte di chi ha raccolto tali frutti – Michele
Lasorsa
anonimo   |26/01/2011 15:45:53
Aderisco all’appello alla memoria del dott.Gianvito Pesce – Franco Rossi
Anonimo   |26/01/2011 15:44:19
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del
dott.
Gianvito Pesce – ML
Luca Abatangelo   |25/01/2011 11:39:03
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del dott.
Gianvito Pesce – Luca Abatangelo Pavia
Giuseppe Amante   |18/01/2011 13:13:22
Ricordando con stima la figura di professionista e di politico del dott.
Gianvito Pesce aderisco all'appello.
Pippo  - Aderisco all'appello   |10/01/2011 07:11:27
Aderisco all'appello per dare un giusto rispetto della memoria del dott.
Gianvito Pesce
francesco   |08/01/2011 07:55:20
Avendo conosciuto la grande umanità e professionalità del dott. Gianvito Pesce
non posso esimermi dall'appoggiare questa petizione. Anche se vivo da molti anni
lontano da Mola ma con l'intento di tornarci mi piacerebbe trovare qualcosa che
lo ricordi.
stefano   |06/01/2011 14:37:22
Aderisco all' appello per dare un giusto rispetto della memoria del Dott.
Gianvito Pesce. Stefano Abatangelo
Teresa Saltarelli   |06/01/2011 14:35:50
Devo aggiungere di averlo conosciuto molto bene e che quanto detto dal Signor
Matarrese è assolutamente rispondente a verità.
Nico Colella  - Aderisco     |05/01/2011 21:04:40
Ovviamente, aderisco anch'io all'ottima causa.

Nico Colella
monia meli   |31/12/2010 03:33:02
Aderisco all' appello per dare un giusto rispetto della memoria del Dott.
Gianvito Pesce.

Monia Meli
Anonimo   |29/12/2010 05:25:08
Aderisco all'iniziativa per far si che la memoria del dott. Gianvito
Pesce
rimanga immutata.

Gianfranco Zaccagnini
Chiara Santoro   |28/12/2010 14:14:31
Aderisco all'iniziativa per far si che la memoria del dott. Gianvito Pesce
rimanga immutata.
Lucrezia Ingravallo   |26/12/2010 18:37:54
Aderisco per dare un giusto rispetto della memoria del dott. Gianvito Pesce
Giuseppe Brescia   |21/12/2010 15:25:49
Aderisco in pieno all'appello, onore al dott. Gianvito Pesce
Anonimo   |20/12/2010 15:39:14
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del
dott.
Gianvito Pesce - Pina Ruggiero
Anonimo   |20/12/2010 06:03:13
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del dott.
Gianvito Pesce – Nicola Piccinni
Luca F. Abatangelo  - Gianvito Pesce   |19/12/2010 13:48:13
Aderisco all’appello per dare un giusto rispetto della memoria del dott.
Gianvito Pesce – Luca F. Abatangelo
Luigi Custodero   |04/05/2012 14:14:29
Il dott.Gianvito Pesce fu grande professionista di immensa generosità. Visitava
e curava gratuitamente molto spesso i cittadini molesi indigenti e non solo.Ho
avuto modo di apprezzare le sue argomentazioni intellettuali su Mola durante le
rappresentazioni teatrali del Centro Sociale di Educazione Permanente
[CSEP]negli anni '70. Un ricordo indelebile:per un gemellaggio tra Tivat e
Mola,in partenza per la Jugoslavia sulla Sveti Stefan cantò con il mio gruppo
musicale...Partirà la nave partirà, di Endrigo - Grazie Gianvito, non morirai
mai nel cuore e nell'anima - Luigi Custodero

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."