Viviamo il territorio di Mola di Bari

Mola di Bari - Utilizzare la macchina fotografica in termini più corretti possibili richiede impegno personale e disponibilità di terzi. Non sempre è facile. L'obiettivo che mi sono posto quando ho acquistato la prima macchina fotografica digitale è stato quello di fotografare strade e palazzi di Mola  al fine di lasciare delle tracce per il futuro. Sull'immagine è possibile spaziare e costruire la storia di una società. L'ostacolo maggiore con il quale necessariamente bisogna fare i conti è la privacy. In attesa della ripresa deì lavori sul frontemare, con la sistemazione definitiva anche dell'area  antistante il Castello, spero di fare cosa gradita proponendo delle foto scattate in vari periodi.

 

Esterno                                Terrazzo                                  Ingresso Orientale                                  Ingreso occidentale

Piano Terra                        Primo Piano                           Sotterranei

Cliccare sulle immagini per visualizzare le altre fotografie.

Mola di Bari - A margine della rappresentazione tenutasi domenica 5 dicembre nell'Ipogeo Berlen, approfittando di alcuni momenti in cui è stato fatto spazio per consentire agli attori e figuranti di rappresentare " L'Annunciazione ", ho scattato alcune fotografie dell'ipogeo. Spero in futuro di avere una nuova possibilità per riproporre integralmente l'intero complesso.

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.

" TERZA EDIZIONE DEL PRESEPE VIVENTE "

Mola di Bari - Domenica 5 dicembre presso l'Ipogeo di Corso Regina Margherita, messo a disposizione dell'ex sindaco Nico Berlen, si è tenuta, nell'ambito delle manifestazioni natalizie 2010, la rappresentazione dell'Annunciazione. Seguiranno i giorni 19 e 23 rispettivamente " Il Viaggio " e " La Nascita di Gesù Bambino". Il quintetto degli ottoni del Teatro Petruzzelli di Bari ed il Coro Apulia Felix, diretti dalla Prof.ssa Nilla Papadopoli hanno eseguito canti natalizi anticipando la rappresentazione degli attori e figuranti dell'Associazione Culturale Rosa di Jerico.

 

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.

 

 

Questa sera si è tenuta nel Castello Angioino l'inaugurazione dei XVII Anno Accademico dell'Università della Terza Età di Mola di Bari. Dopo la presentazione del programma  dell'anno accademico 2010-2011 fatta dalla Presidentessa, prof.ssa Giovanna Fralonardo, sono intervenuti la dott.ssa Lucia Berardino presidentessa della sezione UTE di Bari, il sig. Verna Donato presidente della sezione UTE di Conversano, il Consigliere Comunale dott. Nico Bufo in rappresentanza del Comune di Mola ed il Prof. Mario Spagnoletti in rappresentanza dell'Università degli Studi di Bari che ha tenuto una lezione sul tema " I cittadini e la giustizia nella storia dell'Italia contemporanea". Di seguito è stato proiettato un divertentissimo cortometraggio " Panna 8 " tratto da un testo sulle tradizioni del corredo legato al matrimonio del prof. Mario Ventura, realizzato nel precedente anno accademico dal regista Francesco Colucci.  Dopo l'assegnazione, per il secondo anno consecutivo, di una borsa di studio dell'importo di 500 euro (ritirata dai genitori) allo studente universitario Antonio Del Re, classificatosi al  primo posto con una tesi di ingegneria ambientale, la manifestazione si è conclusa con l'esibizione della soprano Nadia Divittorio che con la sua meravigliosa voce ha interpretato brani di due opere liriche.
   
Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre foto.

L'Associazione Musicale " Athena "  di Mola di Bari, in  collaborazione con il Conservatorio " Niccolò Piccinni " di Bari, il giorno 14 settembre 2010 ha presentato presso il Palazzo Roberti di Mola di Bari l'Operetta " Il Paese dei Campanelli ". L'Orchestra Giovanile del Conservatorio N. Piccinni di Bari, diretta dal direttore d'orchestra Giuseppe Pannarale, gli attori, i cantanti lirici ed il corpo di ballo diretti dal regista Nicoletta Ciliento, dall'aiuto regista Francesco Colucci e dalla direttrice di scena Adele Pignataro, unitamante alle scenografie di Francesco Colucci e alle coreografie di Simona De Tullio, hanno dato prova di altissima professionalità. I ringraziamenti di rito della dott.ssa Adele Pignataro, presidentessa dell'associazione Musicale Molese ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) e calorosi applausi hanno concluso la splendida serata. Unico neo è stato il modesto spazio a disposizione del pubblico. L'atrio del Palazzo Roberti, occupato in gran parte dal palco e dagli orchestrali, purtroppo, non è riuscito a contenere  tutta la gente che si è accalcata per assistere allo spettacolo. Ancora una volta emerge la necessità di dotare il nostro comune di un anditorium o di una struttura polifunzionale. A tale riguardo spero che l'Amministrazione Comunale sia venuta (ufficialmente) a conoscenza dell'esistenza di finanziamenti regionali finalizzati anche per la realizzazione di auditorium con un numero di posti a sedere non inferiore a duemila.

  

Interpreti: Maria Meerovich, Adele Pignataro, Gaetano Piscopo, Domenico Tacchio, Angela Lomurno, Daniela Capriati, Francesco Colucci, Nico Rotondi e Piero Greco. Corpo di ballo: Miriana Delle Grazie, Roberta Fanizza, Annalea Colonna, Annamaria Giuliano e Alessandra Nardulli. Regia: Nicoletta Ciliento; Aiuto Regia: Francesco Colucci; Scenografie: Francesco Colucci; Direttrice di Scena: Adele Pignataro; Coreografie: Simona De Tullio.

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie
 
Direttore d'Orchestra: Giuseppe Pannarale; I Violini: Silvia Annaclerio, Dario Palmisano, Francesca Indelicato, Antonella Defrenza, Alessia Laurora ed Ester Augelli; II Violini: Stefania Lomolino, Michele Barbieri, Dario Dipinto e Elisa Ardito; Viole: Sabina Della Crociata e Claudia Petrelli; Violoncelli: Marco Clarizio, Angela Schiralli e Carmine Tanga; Contrabassi: Antonio Regolo e Antonio Denigris; Flauti: Leonardo Grittani e Marika Spadafino; Oboe: Francesco Larenza; Fagotto: Paola Cefaliello; Corno: Marianna ..; Trombe: Valerio Carriero e Fabio Granata.