Mola di Bari - Immaginiamo di esserci

Nell'augurare Buon Natale ed un sereno Anno Nuovo, compatibilmente con la crisi che incombe sulla maggior parte delle famiglie, vi propongo le fotografie dei presepi scattate nella Chiesa di Sant'Antonio e nel locale messo a disposizione dell'AVIS ubicato in via S. Egidio angolo via De Gasperi.

Presepe allestito nella Chiesa Matrice

 

Pesepe allestito nella Chiesa di Sant'Antonio

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie

Presepe allestito dall' AVIS

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fortografie.

Luminarie natalizie, alberi di natale, stand gastronomici e ludici, artisti di strada, musiche natalizie e numerosa partecipazione cittadina hanno caratterizzato la manifestazione tenutasi l’11 il 18 e il 22 dicembre organizzata dall’associazione commercianti di via Van Westerhout, “ Uniti per lo sviluppo”, presieduta dalla dott.ssa Marianna Lattaruli. Nell’ambito della stessa manifestazione è stata colta l’occasione per inaugurare la riapertura del Teatro van Westerhout, da poco ristrutturato e messo a norma di legge, nel quale si sono esibiti e i bambini della scuola materna Fiorilandia e del II Circolo Didattico “ San Giuseppe”.

Via Van Westerhout

La dott.ssa Lattaruli presenta lo spettacolo.

Bambini della scuola materna Fiorilandia

Via Van Westerhout

Alunni della scuola San Giuseppe

Presidente dell'associazione commercianti con insegnanti della scuola San Giuseppe

 

Venerdì 16 Dicembre presso la sala conferenze del Castello Angioino di Mola si è tenuta, presieduta da Rodolfo Vaccarelli e coordinata da Annella Andriani, la commemorazione del dott. Giovanni Padovano, il più giovane Sindaco di Mola, più volte nominato primo cittadino nel periodo 1964-1990.  Dopo il saluto e l'intervento del Sindaco dott. Stefano Diperna, la proiezione di un video e gli interventi del dott. Guido Lorusso, della Prof.ssa Giovanna Ungaro, del dott. Stefano Gaudiuso, dell'ex assessore Gregorio Lepore del dott. Piero Rotolo e delle figlie Elisabetta ed Ilaria, hanno ripercorso momenti della vita politica, culturale, lavorativa e familiare dell'insigne concittadino.

 

Cari frequentatori del sito, poichè non mi occupo di gossip, ho temporeggiato in attesa di buone nuove sul piano del recupero e sviluppo del territorio del nostro Comune. Unica novità importante è stata l'apertura al traffico di via C. Colombo e la sostituzione di alcune luci dell'impianto esistente sulla pista ciclabile. Del completamento dell'impianto d'illuminazione del fronte mare, dell'apertura al pubblico delle aree ludiche del Cozzetto (già pronte dalla fine di marzo),dei lavori di recupero dei campetti di via De Gasperi e di realizzazione della piazza alle spalle del Municipio, previsti e già finanziati dal PRU, e dei lavori di rifacimento dell'impianto fognario (fermi dopo il completamento su via Di Vagno), non esiste alcuna informativa. Siamo arrivati a Novembre e non è ancora partita la mensa scolastica, le buche sulle strade, lasciate dalla precedente amministrazione, sono diventate voragini e non voglio continuare a mettere il dito nella piaga sul piano di controllo e vigilanza del territorio. Cosa dire, inoltre, sulla strage  delle palme aggredite dal punteruolo rosso. Siamo ormai in completa stagnazione, cosa succede lo può dire solo l'Ammistrazione Comunale. Si aspettano notizie in merito.

Via C. Colombo

Questa è la sede dove dovrebbe sorgere la nuova piazza finanziata con fondi PRU.

Campetto di via Calvani realizzato con fondi PRU

Campetto via N. Rota realizzato con fondi PRU.

Campetto di via De Gasperi in attesa di utilizzo dei fondi PRU

Agonia di una delle tante palme colpite dal punteruolo rosso.

Punteruolo rosso (morto) trovato vicino alla palma.

Corpo della foglia della palma aggredita e divorata dai punteruoli rossi.

 

Se qualche volta il sito è rimasto fermo per mancanza di novità, questa volta invece lo è stato in quanto mi sono concesso una vacanza fuori regione e a Parigi. A seguito di una sosta in Abruzzo ho avuto occasione di effettuare caccia fotografica ai cinghiali. In verità non è stata una vera caccia in quanto una sera un gruppo di cinghiali formato da tre adulti e cinque cuccioli si sono avventurati nei pressi dell'abitazione in cui alloggiavo. In attesa di buone nuove propongo alcune fotografie.