Seguiamo i lavori

Cari amici, è da Natale che il sito è fermo. La motivazione è sempre la stessa: Nulla di nuovo o interesante che possa essere documentato visivamente sui vari fronti. Certamente freddo, pioggia e vento, abbondanti in questo primo periodo dell'anno, non hanno stimolano la ripresa fotografica. Ieri ed oggi a Mola abbiamo avuto due giornate stupende, sembrava fosse arrivata la primavere, e questo mi ha invogliato a fare una passeggiata sul nuovo lungomare. Vi propongo alcune fotografie scattate ieri venerdì 24/02/2012.

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.

Il prossimo mese di dicembre questo sito festeggerà il terzo compleanno. Sinceramente in questi tre anni non mi sono posto il problema di analizzare l'andamento dell'attività svolta e di valutare eventuali cambiamenti di rotta, in quanto bene o male le trasformazioni in atto nel paese e gli eventi culturali mi hanno fornito il materiale necessario per alimentare il sito. Oggi, invece, mi trovo nella condizione di non sapere come andare avanti senza deviare dall'obiettivo che mi sono imposto, cioè quello di mettere in evidenza gli aspetti positivi che coinvolgono la nostra collettività. Purtroppo se il paese si blocca si blocca anche il sito. Alternativa sarebbe incominciare a mettere in evidenza le cose che non vanno. Il materiale a disposizione abbonda e sollecitazioni di pubblicazioni non sono mancate. Francamente ho sempre evitato di farlo per evitare critiche ad una amministrazione comunale in rodaggio, rodaggio che presumo che non possa durare l'intera legislatura. Se la crisi in atto non consente nuovi investimenti, e su questo ho delle riserve, la tutela e conservazione del patrimonio esistente si può realizzare con semplici operazioni di controllo. Purtroppo oggi, al mio rientro dalle vacanze ( per modo di dire)  ho rilevato che la così detta cementata incomincia ad assumere l'aspetto dell'asfaltata a causa del transito di autovrtture e motocicli, così come dalle  immagini che propongo.  Avendo rilevato che è in fase di allestimento l'impianto di illuminazione per la festa patronale, vorrei fare una  osservazione  in  merito  all'esposizione dell'immagine  della Madonna Addolorata. posta tra l'impianto. A mio modesto parere l'immagine sacra oltre ad avere alcuna attinenza con l'insieme dell'illuminazione ( pugno nell'occhio) si pone in contrapposizione, sminuendo i valori affettivi e religiosi, con la statua allocata nella Chiesa, che da sempre è oggetto di venerazione da parte dei fedeli. Immaginate la visione o una foto quando la processione passerà sotto l'arco !! Sig. Sindaco, le sembra giusto che la sera i pedoni, per poter andare dal Castello al Porto, percorrendo la passegiata a terra, all'altezza della non rimossa statua di Padre Pio debbano essere costretti a scendere sulla strada o a passeggiare in mezzo ai tavoli ?

 

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.

 

Si pensava che in occasione della sagra del polpo avremmo potuto accogliere la gente che si riversa a Mola offrendo un fronte mare completamente illuminato e libero da recinzioni e transenne. E invece no l'unica novità che troveranno è costituita dal completamento della pavimentazione stradale di via C. Colombo che resta chiusa al traffico veicolare anche per i residenti. Francamente a me non dispiace che attualmente questo tratto di strada sia percorribile solo dai pedoni, in quanto può dare l'idea di come sarebbe se diventasse zona pedonale. Considerato  l'andamento dei  lavori e la mancata informazione da parte degli amministratori si presume che il completamento del progetto Bohigas troverà soluzione nel prossimo futuro  solo se interverrà qualche Santo. Questo però non toglie che quanto realizzato non debba essere valorizzato e protetto da vandalismi interni ed esterni alla nostra comunità. Emerge, quindi la necessità che le nuove assunzioni di vigili urgani vengano utilizzate al meglio. Inoltre sarebbe opportuno attivare l'esistente impianto di telecamere installato e fermo da oltre due anni. L'attivazione delle cinque telecamere ,già presenti in posti strategici, eviterebbero che la fontana monumentale ed il nuovo lungomare, così come altre zone, continuino ad essere pattumire e zone di interesse di incivili. In attesa sel miracolo propongo un'altra panoramica che può dare l'illusione che dietro a ciò che si vede ci siano  tutte quelle  strutture che avremmo voluto che ci fossero.

Oggi voglio aprire  questa pubblicazione con una polemica che spero diventi costruttiva. Mi riferisco in particolare  all'articolo pubblicato dal periodico Città Nostra, da alcuni giorni in edicola, che definisce il nuovo lungomare: " un tracciato viario irrazionale, un'immensa cementata ".  A mio parere,  partendo dal presupposto che la critica è comunque salutare e sempre costruttiva, ritengo che i periodici locali hanno il dovere di promuovere il territorio e non di denigrarlo in modo particolare quando non è più possibile cambiare lo stato delle cose. Purtroppo è prassi consolidata che quando  si assiste dall'esterno alla realizzazione di un'opera molti diventano architetti, ingegneri, costruttori e quant'altro. L'articolista forse non si è accorto che ogni sera una moltitudine di persone frequenta il lungomare e non ha sentito  i commenti positivi di quanti si sono ricreduti sulla realizzazione dell'opera. In merito alla cementata il commento comune è che finalmente si eviterà di inciampare così come accade nel resto del paese a causa delle buche e dei mattoni e chianche disconnesse. Penso che la saggezza voglia che si mettano da parte vecchi rancori e che si incominci a pensare ad un futuro migliore. Riprendendo l'argomento cardine,  dalle foto si rileva che a distanza di un mese dall'ultimo aggiornamento si incomincia ad intravedere la possibilità che vegano conclusi i lavori per l'apertura al traffico di via C. Colombo, strada di collegamento tra il lungomare e piazza XX Settembre. Non credo, invece, che avrà stessa sorte il completamento dell'impianto di illuminazione del lungomare. Cosa abbia determinato il rellantamento dei lavori non è stato reso pubblico. A mio parere l'amministrazione comunale non può sottrarsi, a nome della trasparenza amministrativa tanto decantata, a questo dovere civico, non fosse altro per mettere fine alle dicerie e non essere tacciata di incapacità ad amministrare la cosa pubblica. Per non fare commenti sull'esecuzione dei lavori in corso mi limito a pubblicare le fotografie scattate su tutto il lungomare nella prima mattinata di ieri 19 Luglio. Trovandoci in un periodo di ferie, colgo l'occasione per augurare ai visitatori del sito, crisi permettendo, buone vacanze.

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.

Proseguono con il contagocce i lavori di completamento della recinzione alla base del Castello e quelli di allacciamento elettrico dell'impianto di illuminazione su via C. Colombo.  Su quest'ultima via, invece, si dice che sia stata sospesa la bitumazione del tracciato stradale. Intanto incalza il malcontento dei residenti e dei titolari delle attività economiche ai quali nessuno riesce a dare risposte. La voce che corre è sempre la stessa: "Mancato pagamento alle imprese a fronte dei lavori eseguiti". Sarà vero? Le risposte può darle soltanto l'Amministrazione Comunale che dovrebbe avere ancora la disponibilità delle somme rivenienti dalle economie fatte a seguito delle aggiudicazioni dei contratti di appalto dei lavori.

Cliccare sull'immagine per visualizzare le altre fotografie.