Il disagio causato dal blocco dei lavori sul fronte mare pare che non interessi a molta gente ed in particolare ai periodici locali e ai numerosi siti internet gestiti da concittadini ed associazioni molesi. L'apatia e la rassegnazione hanno preso il posto della critica, del mormorio e dei capannelli esistenti fino alla vigilia delle ultime elezioni amministrative. Allo stato dei luighi e dei fatti viene facile intuire chi movimentava  il dissenso e chi ha avuto la capacità di perdere le elezioni malgrado a Mola siano state realizzate opere di rilevante importanza che mai nessuno si sarebbe immaginato venti anii fa. E' possibile che nessuno dica niente? Oppure c'è stata la presa d'atto di quanto sia facile criticare e difficile e complesso governare? Per esperienze dirette ed indirette, confrontarsi con l'apparato burocratico ed amministrativo non è cosa da poco in modo particolare quando non si è supportati da spacifiche competenze. Il più delle volte è presente e condizionante, a tutti i livelli, l'incapacità sulle assunzioni di responsabilità sia su quanto si promette sia sui compiti rientranti nelle proprie funzioni. Rientrando nello spacifico in merito ai lavori, corre voce che le imprese che hanno eseguito le opere vantano nei confronti del Comune crediti per oltre 800.000 euro, malgrado siano disponibili risorse economiche rivenienti da economie fatte rispetto alle basi d'asta per l'aggiudicazione dei lavori. Viene facile immaginare, quindi, il perchè siano state chiuse le porte dei cantieri. Se al disagio causato dalla mancata apertura di un'arteria importante si aggiungono i risvolti diretti ed indiretti sia sul piano occupazionale sia su quello di apertura di attività economiche, la situazione di stallo diventa sempre più preoccupante man mano che passa il tempo. Se è vero ciò che si dice, c'è da temere non solo per il fronte mare ma anche per tutte quelle opere programmate e già finanziate da lungo tempo che dovrebbero essere messe in cantiere. Non si giustificano, inoltre, la mancata apertura alla cittadinanza dei campetti ludici già completati al Cozzetto e la mancata programmazione dei lavori per il rifacimento dei campetti di via De Gasperi e della piazza da realizzare, sempre nell'ambito del PRU, alle spalle del Municipio.


Commenti
Nuovo Cerca
+/-
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.
Ignazio   |19/02/2011 12:06:29
Ciò dimostra quanto sia facile parlare e/o criticare e più impegnativo
progettare il futuro ed agire per realizzarlo.

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."